Tra le varie pratiche che un’agenzia funebre deve affrontare nel suo lavoro troviamo anche l’eventuale trasferimento del corpo di un defunto.

Come funziona il trasporto delle salme

La procedura standard per il trasporto prevede per prima cosa che un parente della persona venuta a mancare presenti la domanda al Sindaco del paese ed inoltre è molto importante che questa sia corredata da due marche da bollo da 16,00 euro. Per il trasporto è consigliabile rivolgersi ad un’agenzia del luogo in cui deve essere seppellito il defunto, ad esempio nel caso della capitale ci si può rivolgere ad onoranze funebri Roma come la Cattolica San Lorenzo.

Il trasferimento della salma è sempre a carico delle onoranze funebri con la sola eccezione della cremazione, qui infatti questo può essere fatto direttamente dai congiunti che devono avere comunque un’autorizzazione al trasporto dell’urna cineraria.

Nel caso in cui la morte sopraggiunga in un ospedale che non si trova nel comune di residenza il certificato di trasporto viene acquisito d’ufficio, ma bisogna sempre attendere il rilascio del certificato necroscopico da parte del distretto sanitario dell’Azienda Provinciale e nel caso di una morte violenta entra in scena anche la Magistratura che deve rilasciare il suo nulla osta.

Il trasporto delle salme viene regolato dal DPR 285/90 che prevede sanzioni nel caso in cui il trasporto della salma avvenga senza autorizzazione, mentre non sono previste sanzioni nel caso in cui viene autorizzato un trasporto senza controllare che vengano rispettati quelli che sono i requisiti.

I costi del trasporto delle salme

Il costo del trasporto è molto variabile, questo infatti può dipendere per prima cosa dalle tariffe dell’agenzia funebre a cui ci rivolgiamo, poi entrano in scena alcuni parametri che influiscono sul prezzo.
La prima cosa che viene presa in considerazione è il chilometraggio che deve fare l’agenzia funebre per trasportare il corpo e più è lontana la località più è alto il prezzo. Nel caso in cui il trasporto avviene dall’estero solitamente i Comuni si rivolgono alle compagnie aeree che operano in quelle specifiche tratte e viene addebitato a chi richiede il trasporto il costo fino all’aeroporto d’imbarco e il costo del biglietto aereo.

Le modalità del trasporto all’estero vanno divise in due parti: la prima quella relativa ai paesi aderenti alla Convenzione di Berlino che non richiede supplementi di documentazione e quelli non aderenti che richiedono il nulla osta all’introduzione della salma nel paese straniero.

Categorie: Famiglia

Articoli correlati

Famiglia

Battesimo, confetti e bomboniere per una ricorrenza speciale

Organizzare una festa è sempre piacevole anche se richiede molte accortezze attenzioni. Quando si tratta di organizzare un battesimo è ancora più bello dato che è una delle prime feste che dedichiamo al nostro bambino. Leggi tutto

Famiglia

I bicchieri da birra più indicati per le diverse specialità brassicole

La birra è una delle bevande più antiche: secondo gli archeologi, già 7000 anni fa l’uomo conosceva questo prodotto ottenuto dalla fermentazione dei cereali, anche se ovviamente le sue caratteristiche erano molto diverse rispetto a Leggi tutto

Casa e Giardino

Affittare casa su Casaffinity

Se hai scelto di affittare casa visita subito il nuovo servizio immobiliare Casaffinity. Finalmente riuscire ad affittare casa facilmente. Affittare casa è una delle cose che prima o poi va a coinvolgere chiunque nella vita. Esistono varie motivazioni, Leggi tutto